Discussion:
Anisocitosi.
(troppo vecchio per rispondere)
SALLY
2004-01-20 21:18:23 UTC
Sono portatrice sana di anemia mediterranea, vorrei sapere se una spiccata
anisocitosi piastrinica rivelatasi con l'ultimo esame del sangue puo' essere
collegata alla mia patologia.
Ringrazio in anticipo, saluti Sally.
P. Bianchi
2004-01-21 10:20:41 UTC
"SALLY" <***@cucu.it> ha scritto nel messaggio news:zWgPb.273651

cucu' a te, gentile sally.
Post by SALLY
Sono portatrice sana di anemia mediterranea, vorrei sapere se una spiccata
anisocitosi piastrinica rivelatasi con l'ultimo esame del sangue puo' essere
collegata alla mia patologia.
no, e' un artefatto tecnico dovuto al tipo di discriminazione adottato
dall'apparecchio contablobuli per dire cosa e' globulo rosso e cosa e'
piastrina.

Come talassemica eterozigote, sarai certamente microcitemica con volumi medi
intorno ai 60 femtolitri anziche' 80-90.

Il volume medio delle piastrine e' introno ai 10 femtolitri. La
distribuzione e' sempre francamente asimmetrica con una importante
percentuale di macropiastrine, che arrivano tranquillamente a 40 femtolitri.

Il contaglobuli conta eritrociti e piastrine con la stessa diluizione nella
medesima camera di conta e li discrimina unicamente sulla base dell'altezza
del picco elettrico che si crea quando l'elemento corpuscolato passa in fila
indiana attraverso un orifizio calibrato.

Nei microcitemici si crea una ragione di sovrapposizione di volumi fra
globuli rossi piccoli e piastrine grandi. Sulla base di una serie di criteri
la macchina cerca di stabilire una soglia di discriminazione ottimale fra le
due popolazioni, ma inevitabilmente nei microcitemici finisce per contare
come "piastrine grosse" quelli che invece sono dei microciti o degli
schistociti, con i seguenti risultati:

- nei microcitemici la conta piastrinica puo' essere falsamente elevata
- la percentuale di pastrine grandi (L-PLT) e' nettamente maggiore del
solito
- la distribuzione e' quasi bimodale, la media aritmetica del volume
piastrinico (MPV) e' falsamente alta (bisognerebbe indicare la moda), gli
indici di dispersione (PDW) sono maggiori (anisocitosi piastrinica) ma non
hanno piu' senso perche' la curva non e' piu' una quasi-gaussiana.

In definitiva a questo punto subentra il giudizio del clinico che va a
guardare gli istogrammi di distribuzione degli elementi, constata che i
numeri bruti non rendono ragione alle figure, e a qs. punto fa spallucce.

Se il laboratorio ti ha consegnato un referto numerico, vai da loro e vedi
se possono ristamparti l'istogramma grafico normalmente prodotto dal loro
analizzatore. Affrettati, perche' molte macchine hanno una memoria interna
limitata a un migliaio di campioni il che e quivale a pochi giorni di
lavoro.

Nota semantica: anisocitosi senza altri aggettivi si intende riferita ai
globuli rossi. L'anisocitosi piastrinica e' meglio detta genericamente
anisometria (piastrinica).

Ciao
B.